LA VITA DI GESU' E' TUTTA UNA MENZOGNA... LO SAPEVI?

.
http://sharpiron.files.wordpress.com/2010/10/sexy-jesus.jpg

Ma non è che anche quest'anno per Natale ci propini la solita frottola su Gesù e Horus?
Qualche commentatore attento si è già portato avanti con il lavoro.
Quest'anno Decorazionisegrete non solo ripropina la "solita" comparazione tra Horus e Gesù, ma la approfondisco meglio, con delle similitudini che vi lascerà senza fiato e che considerare "coincidenze" è semplicemente impossibile.
Tanto per far capire a chi di dovere che non è affatto una frottola e chi lo pensa può essere etichettato solo come ignorante.
Il mito di Horus è descritto minuziosamente e la sua vita e le sue gesta sono narrate con dovizia di particolari.
Poi se le vicende della vita di Horus sono incredibilmente simili a quelle di Gesù io che colpa ne ho?

http://1.bp.blogspot.com/_G_5uB0LKGrQ/S3lOCyrabXI/AAAAAAAAADo/X7kL0RHecW8/s400/JesusMiddleFinger.jpg

Non giudico.
Non voglio mettere il dito nella piaga (non ne sono avvezzo!).
Ma non sarebbe onesto declassare questa stranezza a "favoletta"...quasi una leggenda metropolitana.
Le cose stanno così...punto.
La vita di Horus e quella di Gesù sono sovrapponibili.
Ognuno ne tragga le conseguenza che vuole.... ma dire che non è così semplicemente è DISONESTO!
Se poi considerate che il mito di Horus risale a tipo 3000 anni prima della "nascita" di Gesù... bhe, a me qualche sospetto viene.
Vogliamo leggere le incredibili similitudini tra le due biografie autorizzate?

HORUS/GESU'

Concepimento: Da una vergine. Da una vergine.

Padre: Unigenito figlio del Dio Osiride. Unigenito figlio di Dio (nella forma dello Spirito Santo).

Madre: Meri. Miriam (alias Maria).

Padre putativo: Seb (Jo-Seph). Giuseppe.

Discendenza del padre putativo: Di discendenza reale. Di discendenza reale.

Città di nascta: a Annu, il "posto del pane",Bethleem, la "casa del pane.

Luogo di nascita: In una grotta. In una grotta o stalla.

Annunciazione: Di un angelo a Iside, sua madre. Di un angelo a Miriam, sua madre.

Nascita annunciata da: La stella Sirio, stella del mattino. Una non precisata “stella apparsa nel cielo d'oriente.”

Data di nascita: Gli antichi egizi sfilavano attraverso le strade al tempo del solstizio Celebrata il 25 dicembre. La data scelta era la stessa della nascita di invernale (tipicamente il 22-25 dicembre), portando una mangiatoia e un bambino che rappresentava Horus. Mitra, Dioniso, il Sole Invitto (Sole Invincibile), ecc.

Annuncio della nascita: Per mezzo di angeli. Per mezzo di angeli.

Testimoni della nascita: Pastori. Pastori.

Testimoni posteriori della nascita: Tre divinità solari. Tre sapienti.

Minaccia di morte durante l'infanzia: Herut tentò di far uccidere Horus. Erode tentò di far uccidere Gesù.

Gestione della minaccia: Il Dio Che dice alla madre di Horus: “Vieni, tu dea Iside, nasconditi con tuo figlio.” Un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe, dicendo: “Destati, e prendi il fanciullino, e sua madre, e fuggi in Egitto,…”

Ceremonia del rito di passaggio: Horus raggiunse la maturità con uno speciale rituale, quando gli fu reintegrato l'occhio. Portato al tempio dai genitori per quello che è oggi chiamato un rituale Bar Mitzvah.

Rituale all'età di: 12 anni. 12 anni.

Discontinuità nella storia della vita: Nessuna documentazione tra i 12 e i 30 anni. Nessuna documentazione tra i 12 e i 30 anni.

Località del battesimo: Il fiume Eridano, o Iarutana. Il fiume Giordano.

Età al battesimo: 30 anni. 30 anni.

Battezzato da: Anup il Battista. Giovanni il Battista.

Sorte finale del battezzatore: Decapitato. Decapitato.

Tentazione: Portato dal deserto di Amenta su un'alta montagna dal suo arcirivale Sut. Sut (alias Set) fu un precursore Portato dal deserto della Palestina su un'alta montagna dal suo dell'ebreo Satana. arcirivale Satana.

Esito della tentazione: Horus resiste alla tentazione. Gesù resiste alla tentazione.

Sostenitori :Dodici discepoli. Dodici discepoli.

Attività: Camminò sull'acqua, espulse demoni, guarì i malati, restituì la vista ai ciechi. “Con la sua potenza calmò il mare.” Camminò sull'acqua, espulse demoni, guarì i malati, restituì la vista ai ciechi. Comandò al mare: “Taci, e sta’ cheto.”

Resurrezione del morto: Horus resuscitò il suo defunto padre Osiride dalla tomba. Gesù resuscitò Lazzaro dalla tomba.

Località dove si compì il miracolo della resurrezione: Anu, una città egiziana dove si tenevano annualmente i riti della morte, sepoltura e resurrezione di Horus. Gli ebrei aggiunsero il loro prefisso (“beth”) per “casa” ad “Anu”, originando “Beth-Anu”, o la “Casa di Anu”. Dato che “u” e “y” erano anticamente intercambiabili, “Bethanu” divenne “Bethany” (Betania), la località menzionata in Giovanni 11.

Origine del nome Lazzaro: Asar era un altro nome per Osiride, padre di Horus, che il figlio resuscitò dal regno dei morti. A Lui ci si rivolgeva utilizzando, come segno di rispetto, il termine “l'Asar”. Tradotto in ebraico, è reso “El-Asar”. I romani aggiunsero il prefisso “us” per indicare un nome maschile, ottenendo “Elasarus”. Con il passare del tempo la “E” fu omessa e la “s” si tramutò in “z”, dando origine a “Lazarus” (Lazzaro). Come descritto dall'autore(i) del Vangelo di Giovanni.

Trasfigurato: Sulla montagna. Sull'alta montagna.

Sermone(i) chiave: Sermone del Monte. Sermone del Monte; Sermone della Pianura.

Tipo di morte : Per crocifissione. Per crocifissione.

Accompagnato da: Due ladroni. Due ladroni.

Sepoltura:In una tomba. In una tomba.

Destino dopo la morte: Discese negli Inferi; resuscitato dopo tre giorni. Discese negli Inferi; resuscitato dopo circa 30-38 ore (da venerdi pomeriggio a, presumibilmente, domenica mattina), che coprono parte di tre giorni.

Resurrezione annunciata da: Donne. Donne.

Futuro: Regno millenario. Regno millenario.

CONFRONTO DELLE CARATTERISTICHE DI HORUS E GESÙ

Caratteristiche Horus Yeshua di Nazaret, alias Gesù.

Natura :Considerato un personaggio mitico. Considerato come un uomo-dio del Iº secolo E.V.

Ruolo principale: Salvatore dell'umanità. Salvatore dell'umanità.

Status sociale: Dio-uomo. Dio-uomo.

Descrizione comune: La vergine Iside che porta in braccio Horus bambino. La vergine Maria che porta in braccio Gesù Bambino.

Titolo: KRST, l'unto. Cristo, l'unto.

Altri nomi: Il buon pastore, l'agnello di Dio, il pane di vita, il figlio dell'uomo, la Parola, il pescatore, il redentore. Il buon pastore, l'agnello di Dio, il pane di vita, il figlio dell'uomo, la Parola, il pescatore, il redentore.

Segno zodiacale: Associato con i Pesci, il pesce. Associato con i Pesci, il pesce.

Simboli principali: Pesce, mazza, la vite, la verga del pastore. Pesce, mazza, la vite, la croce del pastore.

CONFRONTO TRA I MESSAGGI DI HORUS E GESÙ

Criteri per la salvezza nel giorno del giudizio: “Ho dato il pane all'uomo affamato, l'acqua all'uomo assetato, vestiti all'uomo ignudo e una barca al marinaio naufrago.” “Perciocchè io ebbi fame, e voi mi deste a mangiare; io ebbi sete, e voi mi deste a bere; io fui forestiero, e voi mi accoglieste. Io fui ignudo, e voi mi rivestiste…” Matteo 25:35-36 (Traduzione di G. Diodati, 1649).

Dichiarazioni su “Io sono”: “Io sono Horus nella gloria… Io sono il Signore della Luce… Io sono il vittorioso… Io sono l'erede del tempo infinito… Io, proprio Io, sono colui che conosce le vie del cielo.” “Io sono Horus, il Principe dell'Eternità.” “Io sono Horus, che avanza attraverso l'eternità… Eternità e immutabilità è il mio nome.” “Io possiedo il pane in Anu. Io condivido in cielo il pane con Ra.” “Io sono la luce del mondo… Io sono la via, la verità e la vita.” “…io vi dico, che avanti che Abrahamo fosse nato, io sono.” “Gesù Cristo è lo stesso ieri, ed oggi, e in eterno.” “Io sono il pane di vita ch’è disceso dal cielo.” (Dal Vangelo di Giovanni)

10 comments:

  1. A proposito di ciò, ricordo che proprio nei Musei Vaticani, e in particolar modo nell'appartamento di Alessandro VI° Borgia (sottostante l'appartamento del successivo papa Giulio II° della Rovere) affrescato dal Pinturicchio e dalla sua Scuola negli anni 1492/94, alcune decorazioni riguardano proprio il mito di Iside e di Osiride ...tema che veniva lì riproposto come simbolo della morte e della resurrezione....ovviamente non più in chiave pagana ma cristiana. Felicità per un migliore 2012...in attesa delle previsioni Maya. Eri.

    ReplyDelete
  2. Ciao Eri....ma quante cose che sai!
    Stai passando buone feste?

    PS...che l'anno nuovo ci porti un caffettino?

    ReplyDelete
  3. Si,....ovviamente con qualche parente...pochi per fortuna...Anche quest'anno sono scampato all'avvelenamento causato dalla cena del 24 preparata da mia cugina ('Lucrezia Borgia', tanto per rimanere in tema di cui sopra)...Scherzo!...Aspettando il 2012 mi chiedo se arriverà prima la maledizione dei Maya o quella di quella 'cima' di Pontifex. Eri.

    ReplyDelete
  4. Ciao Decorazioni,

    seguo sempre con interesse questi tuoi post. Mi è venuta voglia di approfondire l'argomento horus/gesù, potresti darmi qualche indicazione bibliografica?

    ReplyDelete
  5. ciao Davide io al volo ti segnalo questo link dove ci sono molti riferimenti riguardanti coloro i quali hanno fatto questo paragone, inoltre troverai anche altre mitologie a cui Gusù ha attinto, su tutte quella di Mitra.

    http://en.wikipedia.org/wiki/Jesus_Christ_in_comparative_mythology

    tornato a Roma ti do due libri su cui hotrovato questo paragone Horus/gesù con i relativi riferimenti.
    ciao .

    ReplyDelete
  6. Qui è tutto confutato:

    http://dallaragioneallafede.blogspot.com/2009/11/gesu-non-e-la-copia-di-divinita-egizie.html

    Faresti meglio a vergognarti di quelle immagini blasfeme che hai pubblicato!

    ReplyDelete
  7. non mi pare che confuti nulla.diciamo piuttosto che si arrampica sugli specchi.
    Gesù, o meglio il mito di Gesù, ha attinto a piene mani dai suoi predecessori.
    Ancora più sconcertanti sono le analogie con il culto Mitraico.

    Le immagini?
    La prima contestualizza Gesù che secondo l'''iconografia era un bel giovane che ci mostrano sempre mezzo nudo sulla ceooce.
    Qui ha addirittura i Jeans...sono blasfemi i jeans?
    non so...può essere.

    La seconda...Gesù nei vangeli spesso si adirava e pure tanto...secondo te non ha fatto il dito medio (o il suo corrispettivo )a nessuno... ma dai.
    Era un uomo, nella migliore delle ipotesi.

    E poi non gli ho messo il 666 sulla fronte...fa il dito medio.
    Blasfemo di che.

    ReplyDelete
  8. Beh, sempre nell'enciclopedia per frettolosi, di Horus si dice...

    "Il mito però maggiormente famoso è quello che lo vuole figlio di Osiride ed Iside e vendicatore del padre nei confronti di Seth, il quale gli tolse un occhio durante lo scontro.
    Durante il lungo periodo della civiltà egizia l'Horo di Hierakonpolis assorbe, con un meccanismo di sincretismo, svariate altre divinità locali aventi caratteristiche simili che infine divennero aspetti diversi di una sola figura.
    Le forme sincretiche più comuni erano:Harakhti, Hornedjitef, Harsiesi, Harmakhis, Haroeris, Harpocrates, Harsomtus e Hurum ma ve ne sono anche con gli dei solari Ra, Atum e Aton di cui la più conosciuta è quella di Ra-Harakhti.
    I figli di Horo sono quattro divinità protettrici dei vasi canopi, i contenitori delle viscere nel processo di mummificazione.
    Presso i Greci e i Romani fu noto con il nome di Arpocrate e rappresentato come un bambino con un dito in bocca, gesto interpretato come un invito al silenzio.
    Dall'etimologia del nome e dal suo aspetto di uccello, si deduce che Horo fosse una divinità del cielo: i suoi occhi simboleggiano luna e sole, il cui viaggio nel cielo è dovuto al volo di Horo. Inoltre il mito dello scontro tra Horo e Seth spiega la minore luminosità della luna rispetto al sole col fatto che l'occhio lunare sarebbe quello staccato da Seth in combattimento e in seguito riposizionato dal dio della magia Toth."

    Mi sa che c'è una bella distanza...

    ReplyDelete
  9. Sempre sulla Wiki, nella pagina da te citata (ma nella versione italiana) ho trovato anche questo... che in qualche modo smonta del tutto le asserzione del tizio da cui le hai prese.

    "Lo studioso Punkish ha commentato che l'autore che sostiene questa tesi, O'Hara, non era affatto un'autorità o uno studioso, ma era un gran sacerdote wicca (un culto stregonesco neopagano che avversa il cristianesimo).
    In realtà queste idee, come praticamente tutti i presunti "paralleli cristiani" presenti nel mitraismo romano, sono nati almeno un secolo dopo la stesura del Nuovo Testamento, dunque troppo tardi per dire che il Cristianesimo abbia "preso in prestito" qualche idea dal mitraismo, ed è invece estremamente probabile che sia vero il contrario."

    ReplyDelete
  10. Autore ha ragione.Ci sono due cose da vedere: "Il mito di Osiride"-documentario completo di Robert Bauval e "Zeitgeist"2,3,4e5p.di Jordan Maxwell.

    ReplyDelete