A LEROY MERLIN PIACE MUSSOLINI !!!

.


In questi giorni a causa lavori, ritinteggiatura e via discorrendo... sto passando più tempo da Leroy Merlin che nei miei 40 metri di casetta!
Ed ecco che mi ritrovo davanti uno stand in cui si vendono delle mattonelle decorative con delle frasi celebri.
Tra i personaggi ritratti troviamo a giusta ragione i volti di Charlie Chaplin, Marilyn Monroe, Bob Marley, intellettuali del calibro di Oscar Wilde... e non solo, anche geni come Einstein e Steve Jobs.
Ma, ovviamente, ci sono anche personaggi italiani che hanno dato lustro al nostro paese come De Andrè, Totò e ...

...Benito Mussolini!






Si... accanto ad Einsten e Steve Jobbs ci hanno messo pure Mussolini, il padre del fascismo e l'uomo che ha condotto l'Italia in guerra accanto a Hitler!!!
Ovviamente ho subito protestato, tra l'ilarità dei commessi... del tipo: "ma vedi un pò che vole sto scemo!"
Il responsabile del settore decorazioni della filiale Romanina ( NOTA: un giovane, maschio, altro, magro, che mi è stato presentato come tale!) mi ha detto testualmente... "Mussolini prima di essere il padre del fascismo è stato soprattutto un grande statista!".

Io sinceramente ho grande difficoltà a collocare Mussolini tra i grandi statisti... ma tant'è, si vede che la memoria storica è decisamente un valore personale e soggettivo.
Purtroppo.





Mi son fermato un attimo per vedere le reazioni dell gente... e sinceramente ce ne son state tante.
Dal ragazzo coatto che esultava alla presenza di Mussolini con la ragazza ancora più coatta di lui... alla signora un pò avanti con gli anni che lanciava occhiate smarrite al marito.

Secondo me è profondamente ingiusto e storicamente sbagliato mettere uno come Mussolini accanto ai grandi geni del secolo scorso.
Attori, scrittori, scienziati... tutti hanno contribuito a migliorare questo nostro mondo.
Tutti tranne lui, Mussolini, che stava arrivando vicino a distruggerlo completamente.



L'immagine di Mussolini veicola a mio modesto parere un messaggio distorto che non deve essere esposto in un posto come un grosso centro commerciale come Leroy Merlin.
Lo dico con grande rammarico... sebbene nella nostra costituzione ci sono chiari riferimenti al fatto che il partito Fascista non possa più essere ricreato, ultimamente Mussolini e la sua immagine sono presenti su sempre più numerosi oggetti.... e tutti venduti in modo allegro e spensierato.

Ci siamo dimenticati i morti e l'indicibile sofferenza causata da in maniera diretta da questo folle!!!
...altro che grande statista.

Caro "signor Leroy Merlin"... forse sarebbe il caso che lei ci ripensasse un attimo e si rendesse conto che mettere il padre del Fascismo accanto ad Einstein e Steve Jobs è un qualcosa che assomiglia molto ad una bestemmia!!!
( I contatti per fare le vostre rimostranze sono qui... dobbiamo far togliere quelle mattonelle!!!)

PS:Aggiornamento:
Servizio clienti ottimo... mi hanno detto che verificheranno e mi faranno sapere...attendo fiducioso.
AGGIORNAMENTO: Leroy Merlin ha preso una posizione netta e decisa contro queste matonelle con l'effige di Mussolini.
Nel pomeriggio sono stato contattato telefonicamente e via mail dalla sede centrale Italiana e mi hanno comunicato il disappunto e lo sconcerto nello scoprire che nei loro punti vendita è presente un prodotto come questo.
L'ordine recava solo la dicitura "frasi celebri" e nessuno poteva aspettarsi di trovare Mussolini accanto ad Einstein (ebreo che a causa del nazismo emigrò in America!).
Provvederanno a eliminare le mattonelle di Mussolini da tutti i negozi Leroy Merlin d'Italia.
Ecco come una ditta seria e responsabile si comporta!
I miei complimenti... sinceri.
Preparo un post per domattina con la loro mail e le mie considerazioni s questa vicende... complicata e delicata.

55 comments:

  1. Sono da togliere immediatamente.In un altro paese sarebbero inacattabili.Grazie per la segnalazione provvederò a diffondere la cosa.

    ReplyDelete
  2. Io ho fatto del mio meglio e spero le tolgano!!!
    sono rimasto allibito e sconcertato.
    Grazie per la diffusione!
    ;-)

    ReplyDelete
  3. ROBA DA MATTI

    ReplyDelete
  4. Gentilissimo signore buongiorno,
    non conosco nemmeno il suo nome... io sono Emanuela Valeriani LA responsabile del reparto decorazione del punto vendita romanina. In primis le chiedo una rettifica immediata in merito alla persona con la quale sarebbe entrata in contatto nel mio punto vendita visto che non sono io, ed al suo posto invece di rischiare una denuncia per diffamazione le consiglierei in futuro di accettarsi tramite il badge che tutti noi collaboratori portiamo in vista sulla divisa con chi stà parlando, prima di esprimere le sue opinioni su un blog pubblico, danneggiando la mia immagine a livello nazionale agli occhi della mia azienda nella quale lavoro dal 2003 con onestà e sacrificio. Mi dispiace inoltre vedere strumentalizzata una risposta parziale del mio collaboratore che sarebbe stata data a seguito di un suo paragone tra Mussolini e l'artefice della strage dei giorni scorsi... e come vede uso il condizionale...
    Certa che non esiterà a apostare questo commento così come non ha esitato a scrivere un articolo sulla mia azienda senza scendere a fondo nella questione, attendo una sua pronta smentita.
    distinti saluti

    ReplyDelete
  5. "Ai romani piace il fascismo", è un dato di fatto:
    http://www.giovannirinaldi.it/page/rome/roma_eur/index.htm
    non facciamo i demagoghi tanto per raccogliere due consensi in questo pseudo-blog

    ReplyDelete
    Replies
    1. AI ROMANI NON PIACE IL FASCISMO!
      Non voglio essere demagogo, e non cerco consensi... su questo BLOG.

      Delete
  6. CAra Emanuela...io il 26 Luglio alle 16 circa ho parlato con una ragazza (non so se era lei) che mi ha indirizzato (con il sorriseto...tanto che mi sono girato di scato verso entrambi come per dire..."che c'è di divertente?) ad un giovane alto, magro, che mi è stato presentato come "il responsabile del reparto decorazione"".
    io non posso sapere se uno chiunque si è spacciato per lei.(ho rettificato il post)
    ho ripostato fedelmente quello che che mi ha detto lui...
    E non ho aggiunto altro.
    Quando ho parlato con il servizio clienti ho SPECIFICATO di aver parlato con un uomo.

    Il commento come vede è pubblico e accetto qualsiasi obiezione.
    Fatto sta che quelle mattonelle sono li e non dovrebbero esserci (ed è un mio parere...ovviamente!).
    Lei altresì come responsabile del reparto decorazioni DEVE prendersi la responsabilità di quello che accade nel suo reparto.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Emanuela...aggiungo e ribadisco che non ho strumentlizzato nula e la risposta del suo collega è stata L'UNICA COSA CHE MI è STATO DETTO... oltre al fatto di ricordarmi che stava lavorando e che non aveva tempo di psrlare con me.

      Delete
  7. Trovo che sia un'inutle e pretestuosa polemica. Non mi pare che nello stand si diano valutazioni di merito. Sono frasi celebri di personaggi famosi e Mussolini famoso lo è. La frase: " Molti nemici, molto onore" è diventata un modo di dire come tanti altri. Sono ben altre le cose di cui scandalizzarsi.

    ReplyDelete
    Replies
    1. non credo...
      sono convito che questa "normalizzazione" della figura di Mussolini sia molto ma Molto pericolosa...la memoria storica dovrebbe accompagnarci sempre.
      Andate un pò nel ghetto ebraico e chiedete a loro cosa pensano di questamattonella!

      Delete
    2. Ma non si fa mica apologia del fascismo! Tra l'altro quella frase non è neanche di Mussolini, risale a Giulio Cesare! Non vuol dire che è un onore avere molti nemici ma che bisogna avere il coraggio di combattere i nemici anche se sono molti come, per esempio, fece Enrico Toti che privo di una gamba si scagliò da solo contro le truppe tedesche. Anche l'altra non è sua, è di Giolitti. Sono mattonelle assolutamente innocue che non tolgono nè aggiungono nulla alla figura di Mussolini. Già sono periodi di crisi, secondo me è meglio che fai il tuo lavoro e lo lasci fare pure agli altri.

      Delete
    3. nessuno ha parlato di apologia...Però...
      1-in queste foto Mussolini ha il cappelllo con un simbolo fascista (e questo è davvero borderline) e se è vero che le frasi sono innocue (a tuo giudizio) per me rimane il fatto che un bambino entra li e vede affiancati Steve Jobs 8un mito per li ) e Mussolini...
      Questo non è storicamente corretto.

      Ammetto che fosrse sarò io di parte , ma in questo periodo ho visto molti programmi su quel periodo e sulla figura di Mussolini.Ti posso assicurare che vedere quelle atrocità e poi opo 2 giorni notare queste mattonelle fa davvero effetto!

      Delete
  8. è un tema delicato perchè certo non è apologia del fascismo ma accostare Mussolini a Einstein,Jobs,Chaplin (...) lo colloca anche se involontariamente in un contesto di "mito" con valenza spiccatamente positiva. L'apologia del fascismo è un reato previsto dalla legge 20 giugno 1952, n. 645 (contenente "Norme di attuazione della XII disposizione transitoria e finale (comma primo) della Costituzione"), anche detta Legge Scelba, che all'art. 4 sancisce il reato commesso da chiunque «pubblicamente esalti esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche»

    ReplyDelete
    Replies
    1. appunto...è delicato!
      e considerati i tempi sottolineo ancora che la cosa è troppo borderline e pericolosa.

      Delete
  9. Penso che il reato di apologia del fascismo esista ancora ma non credo che si possa applicare in questo caso perchè anche se Mussolini era capo del governo fascista la frase non incita al fascismo ne ad altre forme di violenza o razzismo, oltretutto non l'ha sicuramente inventata lui ma è molto più antica quindi non può essere ritenuto responsabile il negozio che le vende.
    Al massimo potevi rispondere al signore con cui hai parlato che Mussolini non è assolutamente un grande statista perchè portò alla rovina economica l'italia intraprendendo guerre e conquiste coloniali disastrose con politiche scellerate e con mezzi inadeguati e risalenti alla prima guerra mondiale, portando alla morte milioni di italiani e le cui conseguenze sia sociali che economiche il nostro paese ne risente ancora oggi.

    ReplyDelete
    Replies
    1. L'unica cosa che si può dire è che è un articolo di cattivo gusto oltre che storicamente inesatto, e l'unica cosa che si può fare è esercitare il nostro potere di consumatori.

      Delete
    2. io sono rimasto inebetito dalla sua risposta e non ho controbattuto.
      La mia faccia deve aver risposto per me.

      Ripeto che qui non ho parlato di apologia del fascismo... piuttosto il buon gusto e una memoria storica corretta avrebbero dovuto imporre di non esporre quelle amttonelle.
      Ragazzi... ma se ci passa una nonnina scampata alle camere a gas o i figli, nipoti, di quelle persone rastrellate...o anche morte semplicemente in guerra...che cosa penserebbero?

      Vi pare una cosa da poco... va bene.Per me non lo è!

      Delete
    3. Loran...la tua aggiunta l'ho letta dopo la risposta che ho scritto come vedi siamo PERFETTAMENTE DACCORDO...abbiamo usato le stesse parole!
      ;-)

      Delete
  10. Tra l'altro senti a me: cambia pure il titolo, te lo dico come una zia come al solito fai deduzioni a c.....! Il fatto che in quello stand si vendano quelle cavolo di mattonelle non significa che a Leroy Merlin piaccia Mussolini!

    ReplyDelete
    Replies
    1. se mi verrà richiesto lo farò...
      E' un titolo ovviamente provocatorio, non faccio deduzioni a ca**o.

      Se uno espone una cosa vuol dire che apprezza quel "prodotto".
      Quindi è corretto...in quanto non ho scritto a Leroy Merlin piace il fascismo (sarrebbe stato scorretto e ingiusto) ma semplicemente "mussolini", evitando ogni classificazione o qualificazione.

      Delete
  11. Secondo me hai fatto bene. Non si può accostare Mussolini ai "geni del '900".
    E se la frase è di Giulio Cesare, che ci scrivano "Giulio Cesare" e mettano accanto il busto di Giulio Cesare.

    Infine, non capisco perché LA responsabile di Leroy Merlin scriva come anonimo, invitando a controllare le generalità senza darle quando scrive qui...

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie Sandro...
      mi fa piacere avere il tuo sostego!!!!!!!!!

      PS: la responsabile nel corpo del commneto ha messo il suo nome e cognome.

      Delete
    2. Hai ragione, ha fatto bene e le va riconosciuto. Ma... in un commento anonimo posso scrivere nome e cognome di chiunque, no? Chi ce lo dice che non sta scrivendo il tizio alto e secco che si spaccia per la "capa" anche sul tuo blog?

      Delete
    3. hai perfettamente ragione!!!
      Infatti avevo in cuore di andare a sincerarmene di persona... anche perchè in questi giorni sto più li che a casa!!!!
      sempre che fuori al negozio non mi facciano trovare la mia foto con la scritta "io non posso entrare".
      ;-)

      Delete
  12. Vado a dare un'occhiata al vicino Leroy Merlin e giuro che se trovo una cosa del genere, non metterò più piede neanche per comprare una cosa che costa 1 cent

    ReplyDelete
    Replies
    1. fammi sapere se c'è...e a quale vai.
      una delle opzioni che mi hanno dato oggi è che questa iniziativa non sia di tutta la catena ma solo del centro della Romanina.

      Delete
    2. Abito a Brindisi, domattina do un'occhiata.

      Delete
  13. Che branco di paranoici illiberali...ahahah

    ReplyDelete
  14. Premetto che anch'io ho qualche riserva nel proporre al pubblico una 'ciofeca di immagine' del genere che andrebbe rimossa. Certamente l'interpretazione degli oggetti e dei soggetti vanno contestualizzati. In questo caso la situazione è molto ambigua. Mi spiego. Se entrando in un luogo pubblico vedessi davanti a me un poster di 5 metri x cinque metri con la faccia di Mussolini potrei pensare al reato di apologia del fascismo perchè in quel senso sarebbe un dato di fatto inconfutabile. In questa situazione 'decorativa'(Mah!) come ho già detto, il significato è molto ambiguo perchè questa pseudo-piastrella con Mussolini deve, come le altre, passare come un puro motivo decorativo senza secondi fini...E noi siamo scesi dalla montagna con la piena e con un bell'anello al naso... Ovviamente il senso di fastidio, almeno per chi ha un minimo di memoria storica, può scaturire. Non si può evitare l'amaro ricordo. Madame Leroy Merlin lei ha avuto il 'grande coraggio' o forse la distrazione di scambiare la ca**a per cioccolata...Mussolini non fu un grande statista...ma un grande 'trombista'..in tutti sensi. Capisco che la produzione è la produzione ma entrare in un bel reparto di decorazione con colori, pennelli, tele, matite colorate e trovarsi davanti allo scaffale delle piastelle i bei volti positivi di Morrison, Wilde, Chaplin, Monroe, Jobs...e poi l'intruso Mussolini...è decisamente cosa triste e antiestetica. E' una caduta di stile, non crede anche lei? Saluti, Eri.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Eriiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii... ma alllora ci sei!
      <3

      Delete
  15. Per l'anonimo dele 17:59 : 'Non ridere troppo a bocca aperta..che te se vedono le rovine!'. Ciao, Eri.

    ReplyDelete
  16. AGGIORNAMENTO:
    Leroy Merlin ha preso una posizione netta e decisa contro queste matonelle con l'effige di Mussolini.
    Nel pomeriggio sono stato contattato telefonicamente e via mail dalla sede centrale Italiana e mi hanno comunicato il disappunto e lo sconcerto nello scoprire che nei loro punti vendita è presente un prodotto come questo.
    L'ordine recava solo la dicitura "frasi celebri" e nessuno poteva aspettarsi di trovare Mussolini accanto ad Einstein (ebreo che a causa del nazismo emigrò in America!).
    Provvederanno a eliminare le mattonelle di Mussolini da tutti i negozi Leroy Merlin d'Italia.
    Ecco come una ditta seria e responsabile si comporta!
    I miei complimenti... sinceri.
    Preparo un post per domattina con la loro mail e le mie considerazioni s questa vicende... complicata e delicata.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Mi associo per la serietà della ditta che ha capito lo scivolone. Sono vivo e vegeto, l'erba cattiva non muore mai...ma a volte si fracica un pò. Eri.

      Delete
    2. ma non verrai neanche a vedere la versione estiva di casa Decorazionisegrte!!?!!?!?

      Delete
    3. Complimenti a Leroy Merlin per la serietà. Un motivo in più per andarci

      Delete
    4. Decisamente...anche se il mio sogno erotico è da Brico!

      Delete
  17. Sicuramente sarà bellissima...attendiamo la pubblicazione delle foto. Eri.

    ReplyDelete
  18. ma no!...io tivogli "LIVE".QUI A CASETTA!
    ;-)

    ReplyDelete
  19. Guarda....io sono come gli ospiti di Paolo Limiti...cioè sono uscito appena dal sarcofago e in fase di scongelamento e sbendaggio. Se entro dentro casa tua le pareti piangono colore. Comunque grazie e attendo le foto. Eri.

    ReplyDelete
  20. riuscirò a carpirti un si prima o poi...chessò...roba del tipo: lo sai che dmani viene Amanda Lear a casa mia?!?!?!!?

    ReplyDelete
    Replies
    1. Amanda?? Allora...forse...chissà. Eri

      Delete
  21. Mamma mia che pesantezza comunque: apologia del fascismo, memoria storica, gridare allo scandalo per una cosa del genere. Si vede che siete pregni di ipocrisia, tipici radical chic dal consumo critico ma che in occidente ci sguazzano alla grande! Fate tanto i sinistroidi ma gli acquisti eco nei luoghi del commercio presidiati dalle multi-nazionali vi piacciono eccome eh?!? Che c'è comprate in un negozio dove l'80% degli articoli proviene dalla Cina (come del resto ovunque) e sgranate gli occhi di fronte ad una mattonella di Mussolini?
    Ma vi rendete conto cosa vi turba e cosa vi appaga ottenere?
    Bah...

    ReplyDelete
    Replies
    1. tu parla per te... non puoi sapere delle vite di ciascuno e delle scelte che uno fa!!!!!
      io l'ho fatto perchè il Fascismo è una ABOMINEVOLE e credo che bisogna tener a mente certe cose!
      Per quanto riguarda il resto non sono un sinistroide, centroide...o un oide qualuque.Ho dei pensieri e li esprimo.Punto.

      Delete
    2. Non sarai sinistroide, certo è che fra i tanti "geni" del nostro tempo che hai citato e che sono sulle filiere di Leroy manca Che Guevara. Forse perchè quella mattonella tu l'hai comprata? O forse perchè per te lui si che merita di essere accanto ai geni? STUPIDE POLEMICHE! Leroy fa malissimo ad assecondarle!

      Delete
  22. Che Guevara non era di sinistra, che poi sia diventato un idolo per i mezzi drogati è un'altra cosa...

    ReplyDelete
  23. comunque il "che" era un assassino o meglio un terrorista...poi, si sà la storia la scrive chi vince la guerra....

    ReplyDelete
  24. Attenzione ATTENZIONE in tv ho visto che cairo editori vende una collezione di orologi militari , nella prima uscita ci sarà un orologio con simbolo facista.
    E' un reato vendere prodotti con simboli politici?
    Questa notte non ho dormito qualcuno mi risponda , così vado a fare una denuncia per reato di propaganda fascita

    ReplyDelete
  25. E questa merda di Che, che si vede dapertutto, un comunista, quando il comunismo ha fatto millioni di morti !

    ReplyDelete
  26. Ultima cosa non credo nella versione ufficaile della Shoah, e ringrazio l'italia di avermi dato la possibilità di trovare, in italiano, il libreo Mein kampf, che ho devorato...Quando si è conzapevole dell'orribile potere ebreo in un paese come la Francia, la GB, gli Usa, il Canada...che mettono il mondo a fuoca e a sangue, era come un respiro !

    ReplyDelete
  27. LE GALL...il tuo commento che finiva con "viva il duce" è stato cancellato...
    Gli altri due si commentano da soli.

    ReplyDelete
  28. tu che fai foto dentro i centri commerciali,lo sai che non si possono fare???tu che fai tanto il perbenista,perchè non fai cancellare Mussolini dai libri di storia,tu che sai tutto o presumi di saperlo,perchè non scrivi a chi produce le mattonelle??tu che sei un uomo misero e che non c ha un cazzo da fare perchè non te fai un giro di tutte le feste dei paesi e fai togliere tutte le immagini,i francobolli,i soldi e i quadri del Ventennio!!!!!!!!!vai a lavorare invece di fare il rivoluzionario dei miei coglioni!!!!

    ReplyDelete
  29. Adesso però voglio vedere le tue vibrate proteste per il merchandising di assassini del rango di che guevara, castro, hitler e stalin ( gli ultimi due forse poco in italia ma all'estero...)

    ReplyDelete
  30. Buongiorno Sig. X (non è chiaro il suo nome), solo oggi vengo a conoscenza di questo "fatto" delle mattonelle "incriminate" di Mussolini e lasci che le dica un paio di cose (forse piú).
    La prima è che sono sicuro che lei cancellerá questo post, in quanto essendo argomentato e veritiero nei suoi confronti, a lei "brucerá" non poco che qualcuno le dica la veritá (scomoda) in faccia e quindi fará "sparire" il presente articolo. Mai io farò uno "screenshot" del presente per ri-postarlo altrove, dove Lei non è giudice e giuria, per mostrare alla Rete chi è realmente (in pratica, se le piace cosa scrivono i visitatori OK, altrimenti si rimuove... piú o meno quello che succedeva con il fascismo, visto che parla di questo). Ma andiamo per ordine.
    Le dico subito che Lei è un oppurtunista (ed anche della peggior specie) ed un ipocrita (ad alti livelli). Mi gioco lo stipendio di un anno, che la sua "crociata" sul fascimo, destra estrema ed il nazismo, si è limitata e si limiterá a Leroy Merlin! Perché? Perchè Lei voleva pubblicitá e forse ne ha avuta, ma a che prezzo? Ci ha rimesso l'immagine e la credibilitá (e non mi dica che non le interessano le due cose, perchè il caos che ha creato è per avere visibilità).
    Una persona intelligente capirá che lei è un ipocrita da questo suo pseudo sito. Mi spiego meglio: ho sprecato (parola non scelta a caso) solo 60 secondi navigando nel suo portale e mi sono subito imbattuto in diverse affermazioni forti e poco cortesi verso personaggi pubblici: da "genio del male" ad un politico, a "Paese che qualcuno definirebbe di m****" (riferito all'Italia) per finire con un "GENIO" al venditore di frutta e verdura che al posto di mettere "finocchi a 0,75" ha scritto "gay a 0,75"!
    Quindi vediamo se ho capito bene: Lei può dire quello che vuole fregandosene del Politicamente Corretto, ma Leroy Merlin non può vendere le mattonelle di Mussolini? Come funziona?
    Ed ancora: questa sua crociata la continua anche con le bancarelle, ed i tabaccai che vendono accendini? Ed ancora: se va in Germania ed entra in negozio di "tendenza" fará le stesse rimostranze?
    Io dico di no, mi correggo, ne sono certo!
    FINE PRIMA PARTE (Limite Caratteri Superato).

    ReplyDelete
    Replies
    1. SECONDA PARTE:
      Le conosco le persone come Lei, quelle che nel negozio fanno i saccenti e cercano la discussione sapendo che la lotta è impari, perchè Lei può dire quello che vuole, magari alzare la voce anche, l'addetto alla vendita no, per contratto deve trattenersi se non fare finta di niente. Questo non lo ha scritto nel suo articolo, che è un vigliacco, ha preferito farsi "bello" con le scuse di Leroy Merlin che definirsi, appunto, vigliacco. Ovvio che l'Azienda per evitare questioni ed avallare il detto "il cliente ha sempre ragione", le abbia chiesto scusa, ma io non l'avrei fatto, ecco perchè sono qui, perchè Lei non ha ragione, prima ancora di essere vigliacco ed ipocrita. Come ho giá detto, non ce la vedo proprio a reclamare ed intavolare discussioni animate davanti ad un uomo "palestrato di 90 KG" tatuato di con simboli piú o meno di destra estrema, meglio litigare con un innocuo e meno complicato addetto alla vendita.
      Anche su questo vorrei spendere due parole, non è vero che il ragazzo Le ha detto "grande statista" riferendosi a Mussolini, le ha semplicemente risposto (credendo di avere di fronte una persona leale) che Mussolini era "uno statista", punto. Vuole affermare che non lo fosse? Sa chi è uno " statista"? Credo di no, quindi apra la Treccani e lo cerchi, perchè non vi è dubbio che sia stato un personaggio "discutibile", ma è certezza che fosse uno "statista". Ma questo non le interesserá, perchè ripeto per l'ennesima volta, che Lei cercava solo pubblicità, non intavolare una discussione.
      Ad una persona intelligente, io gli avrei detto che Sue tanto odiate mattonelle, potrebbero trovare collocazione in diverse situazioni: magari qualcuno vorrá collezzionare frasi storiche (legga bene, "storiche", che non è sinonimo di "frasi celebri" degne di applausi) in una stanza a tema, oppure qualcuno le comprerá per una scenografia di un Film... quindi perchè non venderle? Perchè Amazon, per altro grande azienda che non pensi si "rovini" l'immagine visto che tratta i clienti come fossero oro, non dovrebbe vendere un'applique a forma di "svastica"? Magari la compra qualcuno per un film a tema, non crede?
      Seguendo la sua logica, allora non dovremmo nemmeno vendere i coltelli da cucina perchè altrimenti qualcuno potrebbe usarli per uccidere qualcuno!
      Questo è tutto, ci tenevo a scriverlo per spiegare a Lei e chi ci legge, che la sua è una crociata opportunista e molto sciocca per i motivi di cui sopra.
      E la prossima volta che deciderá di intavolare un discorso con un addetto alla vendita o un impiegato pubblico, non sia vigliacco e lo faccia fuori dall'orario lavorativo dei dipendenti, in modo tale che gli stessi gli possano rispondere (come ho fatto io) senza " paletti" imposti dall'Azienda.
      Firmato: un consigliere di vendita come tanti.

      Delete