LE IENE: A MANDURIA ITALIANI BRAVA GENTE (...DI CUORE)

.
Tag this photo

Lo dico subito e senza finto buonismo...
Ieri davanti al servizio delle Iene sugli immigrati a Manduria (Taranto...la mia Taranto!) mi sono commosso.
Si, perchè l'Italia in questo periodo pare bellicosa, insofferente a tutto, rissosa...
Ma gli Italiani no, loro sono intimamente buoni e generosi...tutti...la gran parte.
Credo, per canto mio, che coloro i quali sono chiusi nel loro egoismo non lo siano per indole personale, no...sono certo che si siano fatti impaurire da quella paura che ci instillano dentro.
La paura giustifica le guerre!
La paura indotta fa odiare il diverso!

Ma ieri le persone di Manduria (e dintorni) hanno dato una sonora lezione di vita a tutti.
Voglio i nomi di questi miei "compaesani" dalla generosità vera...quella dei poveri verso i poveri...quella che come dice Gesù e fatta non facendo sapere alla mano sinistra quello che fa la destra.
Quella generosità fatta di panini...acqua...spiccioli trovate nelle tasche !!!

video

L'Italia è questa!
Un popolo che vede nel clandestino un "fratello" da aiutare.
E quanto è lontano dalla ricchezza ostentata dei vertici del Vaticano quel prete che furtivamente i toglie 10 € dalla tasca e li dona al "finto" clandestino?

Ieri ho capito che siamo gente di cuore!
Grazie Gente di Manduria.
Grazie alle Iene.

Su chi alla fine ha sparato (credo con una scacciacani) non voglio dire nulla...ho già espresso la mia opinione sulla paura indotta e forzatamente installata nelle persone.Punto.

4 comments:

  1. Ciao, molto bello il servizio ed effettivamente gli italiani sono gente di cuore. E come dici tu le cose "cattive" sono colpa dei media che mostrano solo il lato negativo dell'immigrazione.
    Mi piacerebbe però vedere come si comporterebbero gli italiani di città: Milano, Torino, perchè la gente del Sud è risaputo che è gente di cuore, a prescindere da questo servizio.

    Khalid - Un immigrato

    ReplyDelete
  2. hai ragione Khalid chissà cosa sarebbe successo...
    fore le periferie delle città sono un po' come i paesini.Li c'è più generosità.

    sono convinto he il "povero" è più generoso del ricco...

    ReplyDelete
  3. Khalid vuoi raccontarci un po' la tua vicenda di immigrato?
    Un abbraccio.

    ReplyDelete
  4. Ciao, il povero è sicuramente più generoso del ricco e anche diventa ricco, dovrebbe ricordarsi che una volta era povero.
    La mia esperienza è stata diversa da quello che vedo in questi giorni: sono venuto in Italia ben 20 anni fa, ho studiato e mi sono laureato qui.
    A quel tempo non v'erano molti immigrati giovani, se non i cosiddetti "vucumprà" (se mi è permesso usare questo termine). C'era molta più convivenza, anche se non mancavano alcuni casi di "razzismo", ma erano sporadici. Forse la classica paura dell'alieno, della persona estranea che non si conosce.
    Ho sempre vissuto in un piccolo paesino di poco più di 400 abitanti e non ho avuto grandi difficoltà.
    Attualmente in città e anche nei paesi piccoli, qui al nord, la gente vede l'immigrato in modo diverso di come abbiamo visto nel video delle iene e come te non attribuisco la colpa alla gente, ma ai media che le informazioni le filtrano in base alle idee politiche, ai partiti ai quali appartengono e sopratutto in base a come gira il vento e ciò è molto pericoloso in una società che si considera democratica.
    Ci mostrano e ci dicono solo una piccola parte di ciò che ci circonda, ma per fortuna c'è tanta gente che l'informazione la cerca in prima persona e disseta la sua sete di conoscenza e informazione fuori dai soliti canali di informazione...

    Khalid

    ReplyDelete