LEONARDO DA VINCI HA COPIATO L'UOMO VITRUVIANO ?

.
http://cpa.distritok.com/sqlcommerce/ficheros/dk_63/productos/65939137-1.jpg

No vabbhè...non si accetta!
E' come se mi avessero detto che Milva ha i capelli tinti e che Amanda Lear è donna... insomma traumi difficili da superare.

Ma andiamo avanti, veniamo a noi.

Il famosissimo Uomo Vitruviano disegnato da Leonardo Da Vinci non sarebbe farina del suo sacco... signori della corte....
Leonardo, forse troppo impegnato a disegnare sciccosissime borsette, l'avrebbe infatti copiato dall'architetto Giacomo Andrea da Ferrara, suo amico.



Certo la questione è ancora in fase di studio ma l'architetto modenese Claudio Sgarbi ne è convinto...
Leonardo ha copiato!!!
Roba da rimanerci di sasso.

12 comments:

  1. si è ispirato ed allora, il disegno di Vinci è molto più bello !

    ReplyDelete
  2. Le Gall-Cedron non è una questione di 'bellezza' ma è il concetto di 'proporzione umana' al quale, secondo l'articolo, l'architetto da Ferrara è arrivato prima di Leonardo. Ciao, Eri.

    ReplyDelete
    Replies
    1. ecco appunto.... bavo bacchetta Le Gall!
      ;-))

      Delete
  3. be' ma è una "scoperta" del cavolo. l'uomo di vitruvio non è un'invenzione di leonardo, ma semmai di vitruvio. lo descrive molto dettagliatamente nel trattato sull'architettura, ma forse addirittura non ne rivendica nemmeno lui l'invenzione, descrive solo dettagliatamente la costruzione geometrica del disegno con cerchio (e credo anche con il quadrato) intorno alla figura umana. il trattato di vitruvio è del primo secolo dopo cristo, e all'epoca pare quindi fosse un tipo di disegno noto. fin dal tardo medioevo i vari studiosi rileggendo Vitruvio hanno fornito moltissime versioni dell'uomo vitruviano, alla ricerca della proporzione esatta descritta da Vitruvio. il disegno di Leonardo è noto perché è il più bello della serie, e il più perfetto. ma nessuno che ne conosca l'origine può pensare che Leonardo non abbia "copiato" (altrimenti non lo chiameremmo uomo vitruviano).

    ReplyDelete
  4. Non vorrei smuovere la suscettibilità di Le Gall-Cedron perchè è una persona molto diretta e a volte anche un po 'dura' nelle sue riflessioni...Io ormai lo identifico con Belfagor (ricordi lo sceneggiato francese del 1965 con Juliette Greco? Bellissimo!... Le Gall-Cedron sicuramente lo ricorderà perchè suo antenato)...e non vorrei essere fulminato con qualche anatema. Eri

    ReplyDelete
  5. Concordo con Byb. Eri.

    ReplyDelete
  6. tra l'altro vi è una piccola ma significativa differenza nelle proporzioni delle due figure umane sopra:
    - nel disegno di Leonardo le braccia "orizzontali" toccano i lati del quadrato, a ricordare che l'apertura delle braccia e l'altezza della figura sono uguali secondo i canoni classici;
    - sempre nel disegno di Leonardo le stesse braccia "alzate" sfiorano il cerchio nel punto d'intersezione col cerchio, sul lato superiore. sono lunghe uguali alle "orizzontali", quindi stando inclinate arrivano a una distanza minore tra loro.
    - nel disegno di Giacomo Andrea da Ferrara, invece le braccia toccano l'intersezione tra cerchio e quadrato ai lati del quadrato stesso. le braccia devono essere necessariamente più lunghe rispetto all'altezza della figura. se quell'uomo tenesse le braccia tese in orizzontale la sua "apertura alare" sarebbe superiore alla sua altezza, violando i canoni classici di cui parlava il testo di Vitruvio.
    Inoltre la presenza nel disegno di Giacomo Andrea da Ferrara di una Y che taglia il cerchio in tre fette uguali, e quindi "nasconde" un triangolo equilatero che andrebbe dai piedi alle punte delle mani lascia il dubbio che l'autore non avesse ne compreso bene ne le corrette proporzioni anatomiche classiche, e si sia basato nel suo disegno su una costruzione geometricamente più rigida e astratta di quella usata da Leonardo.
    i disegni sono simili, ma non uguali.
    se anche Leonardo avesse visto il disegno di Giacomo Andrea, il suo contiene correzioni e una migliore comprensione sia delle proporzioni classiche sia dell'anatomia umana e ovviamente del testo latino di Vitruvio.

    ReplyDelete
  7. edit:
    "- sempre nel disegno di Leonardo le stesse braccia "alzate" sfiorano il cerchio nel punto d'intersezione col QUADRATO, sul lato superiore. sono lunghe uguali alle "orizzontali", quindi stando inclinate arrivano a una distanza minore tra loro."

    ReplyDelete
  8. cosa significa Cedron ??? Belphegor, e perche no ? non mi dispiace, malgrado il fatto che non vedo il legame fra io e questa fantasma. cosa significa ancora "bachetta"...Mi dispiace ma non sono,italiano e non conosco tutte le sottilità della vostra bellissima lingua...

    ReplyDelete
  9. Dunque...calma...non è nulla di offensivo e 'orribile'. Cedron per un gioco di parole perchè riferito al 'gallo cedrone' (Le Gall=Gallo,che in francese dovrebbe essere 'poulet'). La divinità caldea Belfagor, perchè nello sceneggiato televisivo mi sembra di ricordare che l'affascinante 'fantasma del Louvre' era un'entità misteriosa che incuteva timore....a volte le tue frasi mi suscitano ciò. 'Bacchettare' significa 'riprendere' o anche 'rimproverare'...ma qui il termine è stato usato in maniera bonaria....A volte la nostra bellissima lingua è ricca di sottigliezze che però non sempre fanno male! Ciao, Eri.

    ReplyDelete